Blog: http://Libera_Informazione.ilcannocchiale.it

DELINQUENZA POLITICA : SIAMO UN POPOLO POLITICAMENTE TRUFFATO

 " C'è una sorta di rispetto e di deferenza nel mentire. Ogni volta che mentiamo a qualcuno, gli facciamo il complimento di riconoscere la sua superiorità "
(Samael Butler)




Desta scalpore nelle file del centrodestra l’ultima affermazione rilasciata da Prodi che definisce l’atteggiamento mantenuto in questi giorni dal centrodestra “Delinquenza Politica”.
Spogliatosi dal mantello della moderazione,il Leader dell’opposizione finalmente effettua il primo attacco diretto della sua campagna elettorale.
Attacco forte,deciso,ben assestato,dritto allo stomaco.
E i pugni allo stomaco,si sa,tolgono il respiro e la parola : la risposta di Berlusconi è stata quella di appellarsi al Presidente Ciampi affinché intervenga direttamente ed ammonisca il centrosinistra per l’attributo appena rilasciato nei suoi confronti e dei suoi alleati.
Un po’ come lo scolaro che,dopo aver infastidito il compagno innumerevoli volte riceve uno schiaffo e corre a piangere dal maestro,cercando l’ala protettiva della sua autorità perché da solo non saprebbe difendersi.
Il Presidente della Repubblica tace e il suo silenzio in questo caso vale più di mille parole,soprattutto quando,tre giorni prima,esortò entrambi gli schieramenti a condurre la campagna elettorale “nei limiti delle regole e nel rispetto di tutti”.
In questa “puerile” campagna elettorale si cerca anche la strumentalizzazione del Capo dello Stato e Ciampi ovviamente non ci sta.

Intanto il tempo scorre,ed una dopo l’altra anche le apparizioni televisive del Premier.
L'ultima presenza a Matrix,trasmissione condotta da Enrico Mentana,è spunto di riflessione.
Temi trattati ?
Una seduta spiritica del 1978,un’autostrada da costruire in Libia chiesta dal leader libico Gheddafi,il fatto che il Premier non indossi più nei momenti liberi le scarpe Hogan (forma di protesta e boicottaggio contro Della Valle),il fatto che i cinesi bollivano veramente i bambini “probabilmente per evitare epidemie” poi,forse,ci concimavano anche i campi.
Non manca il valzer delle solite frasi fatte : “Prodi è solo una maschera di D’Alema”, “le primarie sono state una manovra tattica comunista”, “io volevo fare di meglio in questa legislatura ma gli Alleati me l’hanno impedito”, “Le retribuzioni sono aumentate”, “i magistrati sono comunisti”.
Nessuna risposta al destino che riserverebbe eventualmente a Biagi,Luttazzi e Santoro,parole di comprensione per il Leader libico Gheddafi e di ostilità per Emma Bonino (definita “una donna incoerente”),disprezzo per i giornalisti dell’Unità e quelli di Rai 3.
Dulcis in fundo : “attiveremo un altro milione di posti di lavoro,e con questo arriveremo alla piena occupazione”. Piena occupazione!
Ecco allora perché al comizio di Forza Italia tenuto da Berlusconi a Bari poche ore prima era apparso uno striscione con scritto “Santo Subito”...
Non un solo disoccupato in Italia,piena occupazione,questione di mesi.

L’unica cosa bollita e piena è la pazienza del popolo italiano,costantemente maltrattato indirettamente da queste forme di propaganda che esulano totalmente dalla realtà.
Una campagna politica giocata al rialzo da entrambe le coalizioni dove chi offre di più spera di ottenere la vittoria.
A che gioco stiamo giocando?
Ancora nessuno ha capito che il popolo italiano non è cretino,che il popolo italiano vuole la verità,vuole dati reali,vuole la coerenza,vuole un immagine internazionale seria,vuole l’onestà,vuole la speranza per un futuro migliore.
E invece siamo martellati da continue menzogne e dispute puerili contro il fantasma del comunismo staliniano e della Cina di Mao,con un Premier che si è divertito per anni a rappresentarci come un popolo di cabarettisti nel palcoscenico internazionale.

Difficilmente dimenticabili sono alcune tra le uscite peggiori del Presidente del Consiglio,come se la politica internazionale fosse una puntata di "La Sai l’Ultima", programma serale di alcuni anni fa condotto da Pippo Franco e in onda sulle reti mediaset,durante il quale barzellettieri provenienti da tutta Italia si sfidavano a colpi di freddure e gag esilaranti.
Eccone alcune,buon divertimento:
- Per portare l’Agenzia per l’alimentazione a Parma il premier disse di aver fatto il playboy con la premier finlandese Halonen.
- La civiltà islamica è “inferiore” e “ferma al 1.400”,affermò Berlusconi sollevando una polemica internazionale
- “Un Kapò” : così il Premier definì l’eurodeputato tedesco che l’aveva contestato nell’aula di Strasburgo
- “Arafat mi ha chiesto di dargli una tv per la Striscia di Gaza : gli manderò Striscia la Notizia”,fu la battuta del Cavaliere
- “Parliamo di Calcio e Donne”,“Tu,per esempio,Gerhardt, hai avuto quattro mogli cosa ci puoi dire delle donne?”,chiese Berlusconi all’ex premier tedesco ad un vertice UE
- “Bambini Bolliti ai tempi di Mao”,riferendosi al comunismo cinese di Mao Tse Tung.


Se a tutto ciò aggiungiamo la maglietta di Calderoli e l’attacco di Giovanardi al governo Olandese definito “nazista” per le leggi che rendono lecita l’Eutanasia nel paese dei tulipani,otteniamo il bel quadretto di un’Italia che,in campo internazionale,è riuscita a diventare succube solo e soltanto dell’America esportatrice di Falsa Democrazia dell’amico Bush.
Indro Montanelli disse,riferendosi a Berlusconi : “Pensa di essere un incrocio tra De Gaulle e Churchill e il guaio è che ci crede davvero”.
Non solo De Gaulle,Churchill ma anche Gesù Cristo,e tanti altri personaggi storicamente illustri tra cui Napoleone.
Anzi meglio di Napoleone viste le ultime dichiarazioni rilasciate : “Sono stato accusato di essermi paragonato a Napoleone. Bene,ho controllato ed abbiamo fatto più noi di loro”.
Ed intanto continuano le false promesse ed i falsi dati rilasciati al popolo confuso,sempre più rivolto “all’auto-informazione” e diffidente verso la classe politica nazionale.

Ultimi dati smentiti (dagli economisti della Voce.info) sono quelli rilasciati durante questa campagna elettorale dal Premier,riguardanti l’economia del nostro “Bel Paese” :

- LIRA // EURO :
Berlusconi :
“L’euro a 1.936 lire ha dimezzato stipendi e pensioni : il cambio giusto era a 1.500 lire”
[Da “La vera storia italiana” opuscolo consegnato a milioni di italiani]
Le contestazioni degli economisti della “Voce” :
1-L’euro non poteva essere fissato a 1.500 lire perché lontanissimo dal cambio di mercato tra le monete
2-Il potere d’acquisto di salari e pensioni è indipendente dal cambio usato;semmai il problema è negli abusi.
3-Un cambio a 1.500 lire avrebbe penalizzato il nostro export.

- OPERE PUBBLICHE :
Berlusconi :

“I governi di centrosinistra hanno messo in circolo 7 miliardi di euro,noi 51 miliardi di euro che con il prossimo Cipe arriveranno a 73”
[Dal duello tv con Prodi, 14 marzo 2006]
Le contestazioni degli economisti della “Voce”:
Dati Ance :
-Dal 1997 al 2001 : 73,1 miliardi la spesa per opere pubbliche
-Dal 2002 al 2005 : 64,7 miliardi la spesa per opere pubbliche

- PRESSIONE FISCALE :
Berlusconi :

“Il governo nell’attuale legislatura ha ridotto la pressione fiscale dal 45% al 40,6%”
[Porta a Porta, 8 marzo 2006]
Le contestazioni degli economisti della “Voce”:
Dati Istat :
-Pressione Fiscale 2001 : 41,3%
-Pressione Fiscale 2005 : 40,6%

- ESENTI IRPEF :
Berlusconi :
“Grazie a noi sono oggi 10 milioni i contribuenti in più che non devono pagare l’Irpef,ne avevamo trovati 2,5 milioni”.
[Dal duello tv con Prodi, 14 marzo 2006]
Le contestazioni degli economisti della “Voce”:
Dati Sogel :
-Contribuenti esenti già nel 2001 : 8,2 milioni
-Aumento ad oggi numero esenti : 4,3 milioni (e non 10 milioni)


Quante menzogne,quanta poca considerazione del popolo governato!
“Il Popolo non deve avere paura del Governo,è il Governo che deve avere paura del Popolo”,frase profetica quella pronunciata dal protagonista mascherato nel film V x Vendetta.
Ci vuole fiducia,ci vuole speranza.
E fiducia e speranza non si comprano con i miliardi ma con l’onestà,la giustizia e qualcosa che ultimamente non viene più ascoltato… il cuore.
Il popolo non chiede altro.

Pubblicato il 2/4/2006 alle 2.57 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web